Ancora gravissime le condizioni della donna colpita da due colpi d’ascia

15 aprile 2005

Nusco/Stazionarie nella loro gravità. E’, in sintesi, il bollettino medico sulle condizioni di salute di Carmelina Natale, la 79enne colpita da due colpi di ascia dal marito. E’ in stato di coma farmacologico, dal pomeriggio di giovedì, in un letto del Reparto di Rianimazione del “Moscati”: accanto a lei, proprio il figlio e la nuora che hanno, in più occasioni, soccorso la donna ogniqualvolta il marito l’aggrediva. E lo hanno fatto anche giovedì: Carmelina, dopo essere stata ferita, prima di perdere conoscenza è riuscita a chiedere aiuto. I primi a giungere nell’abitazione in località Fontana a Nusco sono stati il primogenito con la consorte: davanti ai loro occhi l’anziana madre in una pozza di sangue e a distanza di 300 metri, in giardino, il padre Andrea che si era tolto la vita impiccandosi ad un albero. Una tragedia che ha straziato la famiglia Natale: un dramma preannunciato viste le precedenti aggressioni tra le mura domestiche. Andrea, era solito “punire” la compagna di una vita a suon di bastonate: alla base futili motivi, dalla camicia non stirata bene ad un foglio non riposto nel cassetto. Sul tentato omicidio-suicidio indagano i Carabinieri della Compagnia di Montella: un’indagine che non potrà fare altro che confermare che la tragedia si sarebbe potuta evitare.