Amministrative Avellino, Ettore De Conciliis: “Innaturale coalizione col centrosinistra”

Amministrative Avellino, Ettore De Conciliis: “Innaturale coalizione col centrosinistra”

29 marzo 2018

Il segretario regionale del Movimento Nazionale per la Sovranità, avv. Ettore de Conciliis, congiuntamente al segretario provinciale avv. Giovanni Candela e al segretario cittadino dott. Giancarlo Di Vito, in merito alla posizione del MNS per il prossimo voto amministrativo per la città di Avellino, esprimono le seguenti posizioni:

1. L’attenzione del Movimento Nazionale per la Sovranità per le elezioni per il rinnovo del sindaco e del Consiglio Comunale di Avellino è particolarmente significativa, coinvolge l’intera struttura nazionale del Partito ed il senatore del collegio, in quanto si tratta dell’unico capoluogo della Campania che va al voto;

2. Il Movimento Nazionale per la Sovranità è disponibile a dare il proprio contributo di programma, consenso e candidature ad un Centrodestra unito, competitivo, credibile e autorevole, capace di giocarsi autenticamente una partita di rinnovamento di cui la città ha particolarmente bisogno, dopo i decenni delle amministrazioni di centrosinistra inconcludenti e specialmente dopo questa ultima fase, testimonianza plastica della inadeguatezza e della incapacità del PD di governare il capoluogo.

3. Il Movimento Nazionale per la Sovranità è comunque pronto a scendere in campo con una propria lista, ma auspica di continuare l’ottimo e collaborativo lavoro avviato alle politiche con la LEGA-SALVINI PREMIER, che anche in città di Avellino ha rappresentato un consenso significativo ed importante, sfiorando il 6% al suo esordio elettorale.

4. Per il Movimento Nazionale per la Sovranità non sono però accettabili tentativi di allargamento innaturale del perimetro del Centrodestra, in direzione di chi abbia responsabilità, su tutti i livelli, di gestione amministrativa insieme al Centrosinistra. Pertanto il MNS, fin da adesso, si chiama fuori da ogni ipotesi, si spera solo fantasiosa, di accordi e sodalizi con quanti, direttamente o meno, abbiano partecipato alla Amministrazione Foti, il cui giudizio diffuso e condiviso porta alla conclusione che sia stata, nettamente, la peggiore che la città avesse potuto avere.

5. Il vero allargamento che il Centrodestra avellinese deve, invece, mettere in campo è quello con le tante realtà civiche e spontanee che rappresentano un tessuto importante di collegamento con i quartieri, le categorie, il mondo associazionistico e quello giovanile. Tutti insieme, senza pregiudizi o preclusioni, si può fare una proposta alla città di vero cambiamento e di ampio respiro.

6. Il candidato alla carica di sindaco che il Centrodestra deve proporre, a questo punto, deve rappresentare la giusta sintesi di ognuna di queste posizioni, incarnando quindi un progetto plurale ed inclusivo fatto dai Partiti e dalle realtà civiche. Il Movimento Nazionale per la Sovranità auspica quindi una candidatura autorevole, la cui storia politica personale sia esempio di impegno per la città e di costante appartenenza allo schieramento di Centrodestra.