Altra partita maiuscola della Virtus Avellino, battuto il Valdiano

Altra partita maiuscola della Virtus Avellino, battuto il Valdiano

14 gennaio 2018

La Virtus Avellino collezione un’altra partita maiuscola e, dopo aver pareggiato in casa della capolista Agropoli, regola con un secco 2-0 il Valdiano candidandosi fortemente a recitare un ruolo da protagonista in chiave Play Off.

Gli uomini di mister Criscitiello, nonostante le defezioni di Lattarulo e Lippiello, non soffrono mai gli avversari e con le reti di D’Andrea e De Riso, tutte segnate nella seconda frazione di gara, centrano la prima vittoria del 2018 chiudendo con 4 punti in tre gare il tour de force contro le prime della classe Agropoli, Sorrento e Valdiano.

Che la Virtus Avellino fosse andata a lezione di cinismo e attenzione dopo essersi fatti rimontare per due volte ad Agropoli lo si capisce dalle prime battute del match.

L’undici di partenza vede il rientro nella linea difensiva di capitan Trifone e il ritorno da titolare dopo quasi un girone del baby Ciampolillo. È proprio quest’ultimo al 4’ a rendersi pericolo. Un cross perfetto di De Riso lo pesca in area. Lo stacco è imperioso, da rivedere però la mira. Gli irpini provano con accelerazioni e verticalizzazioni a mettere in crisi la retroguardia rossoblu e al 15’ è Cioffi a mancare di un soffio l’impatto con la palla trovato in area da Cucciniello. Al 23’ i lupi di Criscitiello confezionano un’azione tutta in verticale sulla sinistra con Ripoli che ne siede due e tira in porta appena entrato in area. La palla viene ribattuta dalla difesa e carambola sul piede di Cucciniello che dalla distanza si coordina al meglio ma la palla finisce a lato. Al 31’ una punizione velenosa di Oliva chiama Robertiello all’intervento in allungo.

Il Valdiano non riesce a mettere la testa fuori dalla propria metà campo e soltanto al 32’ arriva il primo angolo che coincide anche con il primo pericolo per la Virtus con Gallo che in area non trova la sfera. Sul capovolgimento di fronte, un minuto dopo, è ancora Cioffi che salta in area prima di tutti, ma la spizza di testa senza fortuna. Al 42’ Alleruzzo se ne va nel cuore del campo e Della Femina è costretto a metterlo giù. Giusto il giallo. L’ultima azione, però, è di marca salernitana e porta la firma di Aracri che anticipa De Riso, si coordina e tira dalla sinistra. Palla di poco a lato.

Il secondo tempo del Valdiano ricomincia senza Petriccione sostituito da Isoldi. La musica tuttavia non cambia e al 7’ la Virtus va vicinissimo al gol. Alleruzzo pennella alla perfezione una palla al centro dell’area di rigore ospite. Il terzo tempo di Ciampolillo non è da manuale, ma la fortuna non sale tanto in alto quanto il baby virtussino e la palla finisce di poco sulla traversa a portiere irrimediabilmente battuto. Il primo cambio dei biancoverdi porta in panchina, proprio Ciampolillo, uno dei più positivi, per il neoacquisto Branchi. Al 14’ timbra il cartellino anche Giliberti, fin qui inoperoso, che con una parata superlativa nega il gol a Siciliano che aveva sparato dalla distanza un missile terra/aria. Al 16’ esce un affaticato Oliva per Gagliardo che dopo essere partito titolare ad Agropoli fa il suo debutto in casa. Al 20’ mister Criscitiello gioca il tutto per tutto e cala la carta D’Andrea che entra al posto di uno spuntato D’Acierno e sette minuti dopo esce Cucciniello per concedere a Rega gli ultimi 20 minuti.

Qui la gara cambia volto.

La Virtus alza il proprio baricentro e al 29’ Ripoli scappa sull’out di sinistra. La sua corsa viene frenata solo dall’intervento di Isoldi. Rigore sacrosanto. Questa volta sul dischetto si porta D’Andrea che trasforma agevolmente il penalty e porta in vantaggio i biancoverdi. Due giri di lancette più tardi ed è ancora D’Andrea protagonista in area ospite. Dopo aver fatto a sportellate con mezza difesa rossoblu scocca un tiro potente che Robertiello può solo deviare sulla testa di De Riso che lesto raddoppia in tapin. Il Valdiano non c’è più e al 33’ dice addio ad ogni velleità. Ammonito Aracri per fallo da dietro su D’Andrea e poi uno scatenato Gallo viene mandato anzitempo sotto la doccia per proteste. Al 40’ si riaccomoda in panca Branchi per far posto a Della Sala e De Riso prima si beve Gallo e crossa dal fondo una palla invitante che nessuno raccoglie, e poi si becca un giallo ingenuo al 41’ per un intervento in ritardo su Comegna. La partita si avvia a conclusione e nonostante i 4 minuti di recupero non fa registrare altre emozioni.

La Virtus torna alla vittoria, la prima del 2018, e si ripropone prepotentemente in zona Play Off.