Alto Calore, la parola a Maselli: “Tutto regolare”

22 luglio 2008

Avellino – Alto Calore, il giorno dopo. Nessun dubbio da parte di Popolari e Pdl sulla volontà di impugnare davanti al Tribunale Amministrativo Regionale la delibera di nomina del nuovo Cda dell’Ente di Corso Europa, votata e approvata dagli esponenti assembleari di Pd e Udeur dopo lo scioglimento della seduta da parte di Donato Madaro. Un epilogo scontato ma secondo alcuni nessuna irregolarità. Non ci sarebbero due presidenti né un presidente fuori legge. Tutto rientrerebbe nella normale dinamica delle cose. Il neo eletto Franco Maselli non mostra alcuna perplessità dichiarando: “Credo che oggi ci sia un solo presidente: quello eletto dall’assemblea dei soci. I sindaci legittimati hanno sfiduciato il presidente uscito – non uscente – ed hanno espresso una inequivocabile volontà politica”. Ma lo spettacolo sotto alcuni versi indecoroso offerto dall’assemblea di ieri non depone certo positivamente rispetto ad una cittadinanza ormai stanca di beghe controproducenti. Lo stesso Maselli, consapevole dell’accaduto, chiede scusa ai cittadini “… non per colpe personali o del partito a cui appartengo. Chiedo scusa a nome della politica per colpe di chi ha voluto inscenare tentativi di bassissimo profilo che non fanno onore né alla storia di alcuni personaggi né alla politica”.