Alto Calore, Bonavitacola avverte i sindaci: “Se fallisce addio fondi regionali”

Alto Calore, Bonavitacola avverte i sindaci: “Se fallisce addio fondi regionali”

1 dicembre 2018

“Se l’Alto Calore fallirà si perderanno le risorse regionale per la riqualificazione delle reti idriche”. Il vicegovernatore Fulvio Bonavitacola mette in guardia i sindaci irpini. “Ricatto? No, semplicemente non ci sarà un gestore che potrà utilizzare quelle risorse. Credo sia giusto che si sappia”.

Ad Avellino per partecipare ad un seminario organizzato dall’Ordine degli Ingegneri, Bonavitacola invita i sindaci irpini a ragionare sul futuro della società di Corso Europa. “Non ci si può riempiere la bocca con belle parole sull’acqua pubblica e poi agire in maniera diversa. La Legge Madìa offre precise indicazioni riguardo alle società partecipate, ma è chiaro che agendo in un certo modo si aprono le porte ai privati”.

Un passaggio importante in vista di un mese decisivo per le sorti dell’Alto Calore, con l’assemblea dei soci chiamata a deliberare un aumento di capitale per aprire una nuova stagione e scongiurare l’ipotesi dissesto.

Bonavitacola si è soffermato anche sui nuovi trasferimenti idrici dalla Campania alla Puglia con l’Acquedotto Pugliese che preleva ulteriori 1,5 litri al secondo. “Sarà necessaria una revisione degli accordi sui trasferimenti”, ribadisce il vicegovernatore.