Alto Calore: assemblea rinviata a settembre. La storia continua…

22 luglio 2008

Avellino – Il giorno dopo l’assemblea dell’Alto Calore Servizi ed arriva subito agli organi di informazione la nota dell’Acs con la quale si comunica: “A causa di eccezioni formalizzate sia prima dell’apertura dei lavori che durante i lavori dell’assemblea dei sindaci per la nomina del nuovo CdA dell’Alto Calore, con le quali veniva contestata l’invalidità dell’assemblea, ritenuta la rilevanza di queste eccezioni con il conseguente rischio di invalidità di ogni deliberazione che poteva essere assunta, al fine di garantire l’incontestabilità di ogni atto consumato dall’assemblea, si è ritenuto, con il parere favorevole dei due consiglieri di amministrazione, Tranfa ed Urciuoli, di rinviare l’assemblea alla data del 1 settembre 2008″. Come preannunciato dal presidente Donato Madaro il prossimo appuntamento riguarda la data del 1 settembre. Si attende ora la “risposta” del Pd e del presidente Franco Maselli eletto unitamente al nuovo Cda dopo lo scioglimento dell’assemblea a seguito dell’uscita dall’aula del notaio Romana Capaldo e degli amministratori del Pdl e demitiani. Non è da escludere allo stato che del caso Alto Calore Servizi si possa interessare la Procura della Repubblica. La storia insomma continua…con partiti contro e con un braccio di ferro che penalizza ed offende i cittadini e gli utenti in generale.