All’Hs la manutenzione dei sistemi Apfis: oggi la firma al Viminale

23 luglio 2014

Avellino – HS Company Srl si aggiudica la gara d’appalto per la fornitura di servizi professionali per la manutenzione dei sistemi “hardware” e prodotti “software” nonché di assistenza sistemistica per il sistema “APFIS” del Servizio Polizia Scientifica. Stamane l’incontro a Roma al Palazzo del Viminale, sede del Ministero dell’Interno, tra il Direttore Generale Delle Risorse Strumentali e Logistiche nazionali S.E. il Prefetto Renato Franceschelli e l’ad dell’azienda irpina, Michele Gubitosa, che ha siglato la commessa. Grande soddisfazione è stata espressa dal dott. Claudio Almanza, responsabile per Hs Company della Divisione PAC HS Roma, che ha curato l’intero processo.

COSA E’ L’APFIS – Il servizio di manutenzione hardware e software del sistema APFIS per le esigenze del Servizio della Polizia Scientifica sino ad oggi è stato gestito dalla multinazionale Hewlett Packard; all’apertura delle buste (la commessa ha un valore di 1.046.028,00 di euro), Hs Company ha ‘battuto’ di soli 3mila euro l’offerta del colosso americano IBM.

L’ A.P.F.I.S., acronimo di automatic palmprint and fingerprint identification system, è un sistema informatico in grado di svolgere tutte le attività necessarie per l’accertamento dattiloscopico dell’identità. Il sistema, infatti, acquisisce e memorizza i cartellini fotosegnaletici, li classifica, rileva e codifica i punti caratteristici e, infine, confronta le impronte digitali inserite dagli operatori con quelle di tutti i cartellini archiviati nella banca dati del Casellario centrale di identità. Come risultato di tutte queste elaborazioni l’APFIS fornisce una lista dei probabili candidati che sarà poi verificata dai dattiloscopisti. I frammenti di impronta giudicati utili ma non identificati rimangono nella memoria del sistema e vengono confrontati con le impronte inserite successivamente.