Allarme randagismo, la denuncia dei volontari contro Sindaci ed ASL

Allarme randagismo, la denuncia dei volontari contro Sindaci ed ASL

27 luglio 2017

Lo sfogo/provocazione su Facebook, raccolto dal comitato spontaneo Uniti per Chicca e lanciato da Gianna Senatore dell’Associazione Zoofila Nocerina: “Boicottate le vacanze in Cilento e Vallo di Diano finché Sindaci e rispettive ASL non attueranno serie politiche contro il randagismo!”

Le volontarie del cilentano e non solo sono ormai al collasso, dovendosi sostituire alle Istituzioni anziché affiancandole come sarebbe richiesto in un Paese civile, e qualcuna denuncia che gli ordini di periodici avvelenamenti sul territorio arrivino proprio dall’alto: una “soluzione a costo zero” per tenere sotto controllo l’alto numero di randagi, la più crudele di tutte, che va di pari passo con le deportazioni nei canili lager, altro business in cui il territorio a sud di Salerno ha una triste e consolidata tradizione.

“Io disto centinaia di chilometri – prosegue nel post Gianna Senatore – ed ogni giorno mi vengono segnalati cuccioli magrissimi, colonie di gatti affamati e malati e cagne incinte. Ieri, a Palinuro, turisti di Arezzo hanno atteso per ore un intervento, che non è mai arrivato, per una cagnetta cieca; alla fine hanno deciso di caricarsela in auto e portarla a casa propria, ponendo anticipatamente fine alle loro vacanze. Ma questi Comuni con si vergognano di farsi trovare come il Terzo mondo? Le normative nazionali e regionali in tema di sterilizzazioni ed iscrizione in anagrafe canina qui non sono state recepite?”.

Un duro affondo, parole dettate dalla rabbia e dalla frustrazione di trovarsi inermi spettatori in un territorio devastato dal randagismo, complice una mentalità ancora gretta in tema di benessere animale ma, soprattutto, dovuta al fatto che chi amministra è espressione di quella stessa mentalità.

Il comitato spontaneo Uniti per Chicca, nato a Salerno lo scorso mese di febbraio con l’obiettivo di chiedere giustizia per la cagnolina massacrata nel quartiere Pastena e per tutti gli animali vittime dell’uomo, chiede alle Aziende Sanitarie Locali e ai Sindaci, che sono per legge i “proprietari” dei cani di strada, di rispettare le leggi, che stavolta coincidono con l’attuazione delle soluzioni universalmente ritenute le più economiche e rispettose del benessere animale: microchippatura e sterilizzazioni a tappeto di tutti i cani, da quelli vaganti ai semi padronali di aziende e terreni, affinché non nascano nuovi infelici.

Queste sono le uniche armi realmente efficaci contro la piaga del randagismo.