Al Vanvitelli di Lioni la premiazione del concorso F. de Sanctis

2 giugno 2014

Si è svolta nell’Aula Magna della sede IPIA dell’IISS Vanvitelli a Lioni nella mattinata del 31 maggio 2014, la premiazione del Concorso indetto dal Lions Club Morra De Sanctis Alta Irpinia, giunto alla sua ottava edizione, legato al Premio Letterario “Francesco De Sanctis” e rivolto agli istituti secondari irpini.
Il concorso dal titolo “Conoscenza del territorio ed occasioni di sviluppo e crescita con percorsi lavorativi non convenzionali”, sponsorizzato dall’EMA S.p.A., ha visto la nutrita partecipazione di molte scuole irpine, tra cui l’IISS L. Vanvitelli, l’I.I.S. “R.D’Aquino” di Montella, l’I.I.S. “F.De Sanctis” di Sant’Angelo dei Lombardi.
Alla cerimonia, coordinata dalla Prof.ssa Dora Garofalo, Preside emerita e Responsabile di service III Circoscrizione Lions Distretto 108 YA, sono intervenuti il Dirigente Scolastico dell’IISS L. Vanvitelli Prof. Pietro Petrosino, dell’IIS F. De Sanctis di S.Angelo dei L. Prof. Giovanni Ferrante, il rappresentante dell’IIS R. D’Aquino di Montella – Nusco, Prof. Paolo Saggese, il rappresentante dell’EMA S.p.A. Dott. Mario De Silvo, il rappresentante del GAL CILSI- Parco Letterario F. De Sanctis Dott. Mario Salzarulo, il Responsabile di service III Circoscrizione Lions Distretto 108 YA Prof. Michele Ceres e il Presidente Lions Club Morra De Sanctis Alta Irpinia Gerardo Di Pietro, i Presidi emeriti Alfonso Cuoppolo, Michele Vespasiano e Giovanni D’Adamo.
A ricevere il primo premio sono state le classi 1^ A, B e C della sede IPSEOA del Vanvitelli, ex aequo con la classe 3^ Liceo Classico di Nusco, candidata con il lavoro: “La tartufaia: alla ricerca dei tesori perduti”. Il secondo ed il terzo premio sono andati alla classe 3^ Liceo Classico di Nusco con il lavoro: “Le grotte del Caliendo: Turismo e Lavoro” e alla classe 5^ del Liceo Classico di Sant’Angelo dei Lombardi, con l’elaborato: “Irpinia: la vera sfida è restare”, presentati rispettivamente dagli alunni Cianciulli Ilaria e Livio Arminio.
Ad aprire la mattinata, il Dirigente Scolastico del Vanvitelli, Prof. Pietro Petrosino, che oltre a dare il benvenuto ai presenti, ha anche introdotto il tema del video premiato. Gli alunni del Vanvitelli, guidati dai docenti Angela Rega, Rocco Caruso e Antonio Prisco, curatori del progetto, hanno realizzato il percorso narrativo multimediale, “Identità del nostro territorio: vieni in Irpinia, vivi l’Irpinia!”, con l’ausilio tecnico dell’assistente Silvano Ciotta. La prima ad intervenire è stata proprio l’alunna della 1^ B IPSEOA Vanvitelli Sharon Capaldo che, a nome dei suoi compagni, ha spiegato che “il progetto nasce per far conoscere a noi ragazzi e alle nostre famiglie i luoghi, le tradizioni, i prodotti enogastronomici e le risorse storiche, artistiche e culturali del nostro territorio nella prospettiva della loro valorizzazione e promozione. Ringraziamo per questo i nostri docenti, ma anche e soprattutto il Preside Petrosino e lo staff dirigenziale”. E’ stata poi la volta di Marica Della Vecchia della classe 3^ Liceo Classico di Nusco che con alcune compagne ha raccontato la storia dell’azienda tartufaia e che ringraziando tutti ha concluso con il messaggio: “Grazie al passato e al sacrificio dei nostri nonni e genitori, possiamo guardare al futuro”.
Anche Ilaria Cianciulli della stessa classe, seconda classificata, premiata per il lavoro sulle grotte di Caliendo, ha voluto ringraziare a nome delle sue compagne, il proprio docente Paolo Saggese e il gruppo dei Lions per l’opportunità riservata loro. Dopo la visione dei tre prodotti multimediali, il terzo classificato, Livio Arminio del Liceo Classico di Sant’Angelo dei L. ha letto il suo elaborato sul coraggio di restare nonostante tutto, perchè in un mondo iperveloce, per fortuna, dice “in Irpinia resta il connubio tra natura e presenza umana”. Dopo la visione dei lavori finalisti, si è aperto un intenso dibattito sul tema dell’occupazione e del futuro giovanile e tutti gli interventi sono risultati accomunati da un unico filo conduttore: la necessità di uscire dalla crisi attuale attraverso la riscoperta del nostro territorio e della sua vocazione, senza prescindere dalla sua tradizione culturale e dai suoi valori originari e senza anacronismi. Va inoltre valorizzato il capitale umano attraverso una formazione seria ed altamente specifica, per approdare a realtà lavorative anche non convenzionali, come sottolinea il tema del premio. Al momento della premiazione e delle foto di rito, sono state lette le motivazioni con le quali la Commissione ha conferito i due primi premi ex aequo, il secondo ed il terzo. I rappresentanti del Lions Club hanno consegnato una somma in denaro ai vincitori del concorso e a tutti i partecipanti un attestato utile ai fini dell’attribuzione del credito scolastico. Il GAL-CISLI- Parco letterario F. De Sanctis ha donato poi ai concorrenti una medaglia commemorativa dell’evento e una targa di encomio alle loro scuole di appartenenza. Una menzione speciale è stata riservata a quei lavori che, non premiati, hanno comunque meritato un’attenzione particolare da parte della giuria giudicatrice, come quello della classe 4^ A Turistica dell’IPSEOA Vanvitelli. Le conclusioni della mattinata al Preside Petrosino: “Siamo molto orgogliosi e soddisfatti per il premio ricevuto dai nostri alunni perché è la dimostrazione che l’impegno e la passione in ciò che facciamo in qualche modo ripaga sempre. Il tema del concorso è molto scottante e duramente attuale: è fondamentale non togliere ai giovani la speranza per il futuro; noi adulti abbiamo una grossa responsabilità, in termini di credibilità e di trasmissione di un terreno lavorativo fertile per le generazioni successive. Dobbiamo riscoprire i valori della nostra tradizione per creare la base di un futuro possibile”.