Al San Carlo, su Sky e alla radio: tutti ad applaudire Carmen

6 dicembre 2012

Napoli – Lunghissimi applausi hanno accompagnato la ‘prima’ de La Traviata al Massimo napoletano. Nell’opera verdiana diretta dal regista turco Ferzan Ozpeetk è brillata più di tutte la stella del soprano originario di Solofra, Carmen Giannattasio, che ha sedotto e rapito i 1400 che hanno assiepato palchi, parterre e gallerie al San Carlo. Folta anche la rappresentanza degli irpini arrivati nel capoluogo campano e chi non ha potuto accaparrarsi il biglietto della ‘prima’ si è consolato guardando o ascoltando l’opera in diretta su Sky Classica e su RadioRai3.

Momenti di forte tensione tra studenti dei collettivi ed esponenti dei centri sociali, da un lato, e forze dell’ordine dall’altro all’esterno del teatro hanno segnato l’inizio della stagione del Massimo napoletano. All’inizio del secondo atto oltre cento ragazzi, studenti e attivisti dei centri sociali, hanno manifestato davanti all’ingresso del Lirico.

Sul palco reale si è registrata la presenza di cinque ministri del governo Monti: sono Francesco Profumo (Istruzione), Lorenzo Ornaghi (Beni Culturali), Piero Giarda (Rapporti con il Parlamento), Paola Severino (Giustizia) e Filippo Patroni Griffi (Pubblica Amministrazione). E poi ancora visti in parterre Carla Fracci, con look ‘total white’, la stilista Carla Fendi, Giuliano Ferrara, l’archeologo Andrea Carandini, Roberto Cicutto, amministratore delegato Istituto Luce Cinecittà, le produttrici cinematografiche Tilde Corsi e Guendalina Ponti, Stefano Caldoro e Luigi De Magistris con le rispettive consorti. (anpi)