Agricoltura, ecco il nuovo contratto. Tangredi (Cisl): “Stop al lavoro nero”

Agricoltura, ecco il nuovo contratto. Tangredi (Cisl): “Stop al lavoro nero”

22 giugno 2018

“Questo contratto migliora il Welfare e si aggancia alla Legge 199 per il contrasto del lavoro nero e dello sfruttamento in agricoltura, con l’impegno delle parti di svolgere un’attiva collaborazione affinché la legalità vinca sulla illegalità”. Raffaele Tangredi, Reggente Fai Cisl Campania, commenta così il rinnovo del Contratto Nazionale di lavoro degli Operai Agricoli e Florovivaisti che in Campania coinvolge oltre 70 mila addetti.

Il rinnovo del CCNL si inserisce nella Campagna #SOSCaporalato promossa dalla Fai Cisl con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica e rafforzare il contrasto allo sfruttamento dei lavoratori e lavoratrici del comparto agricolo.

In questi giorni, infatti, come FAI Campania, per dare massima diffusione a questa Campagna, si stanno svolgendo in tutto il territorio conferenze stampa e incontri. “Siamo impegnati nella diffusione di volantini con il numero verde istituito dalla FAI Nazionale nelle piazze dove ogni mattina lavoratori e lavoratrici vengono reclutati dalle aziende agricole, per svolgere i lavori nei campi, spesso sfruttati sottopagati senza alcun tutela previdenziale ed assistenziale”.

“E’ il momento – continua Tangredi – che tutte le parti coinvolte (Istituzioni, controparti e OO.SS) si uniscano in un fronte unico contro questa piaga, partendo dalla costituzione delle Cabine di Regia, luoghi di confronto per far vincere la legalità al dumping delle aziende e all’Italian Saunding e per dare un valido aiuto al Made in Italy agricolo e alimentare”.