Agriasili e agritate, tutte le sperimentazioni in Irpinia

Agriasili e agritate, tutte le sperimentazioni in Irpinia

15 giugno 2015

Sta riscuotendo grande successo sul territorio dell’area GAL Irpinia, il Piano di azione locale di Genere (P.A.L.G.) “Lavoro alle donne”, attivato nell’ambito degli Accordi Territoriali di Genere del P.O.R. Campania FSE 2007-2013, finalizzato a sperimentare modelli che migliorino la condizione femminile nel mercato del lavoro ideato e gestito da un partenariato di cui la Federazione Provinciale Coldiretti di Avellino è capofila. Si tratta di azioni innovative dedicate al supporto alla genitorialità, alla facilitazione della flessibilità di orario in azienda e alla possibilità di sostituzione temporanea delle imprenditrici che necessitano di un momentaneo allontanamento dal posto di lavoro. Nello specifico, sono state attivate dallo scorso autunno, le seguenti azioni sperimentali innovative:

Per le famiglie:

•​L’Agriasilo “La Fattoria felice” dedicato ai bambini da 3 a 6 anni attivo presso le Aziende agricole Nonna Rosina di Nusco e Petrilli di Flumeri.

•​Il Centro di counselling psicologico e l’ufficio Genitori-figli, presso la sede del GAL a Montella e quella della Comunità Montana Ufita di Ariano Irpino

•​Baby Sitter “Nidi e Educatrici domiciliari” che sperimenta, forme alternative e integrate di cura all’infanzia e agli anziani presso la tenuta Cavalier Pepe di Sant’Angelo all’Esca dedicata, a 6 bambini da 3 a 36 mesi di mamme lavoratrici ( prioritariamente nubili), residenti nei Comuni del GAL Irpinia.

•​Seminari informativi per Agritate presso la Tenuta Cavalier Pepe di Sant’Angelo all’Esca finalizzate ad informare baby sitter/badanti che intendono dare un supporto alle famiglie che ne hanno la necessità presso aziende agricole.

Per le lavoratrici dipendenti:

•​Job&Time individuazione e proposta di forme di flessibilità oraria e modalità organizzative del lavoro più favorevoli alle donne

•​Mentoring di conciliazione e progetto “tempo personale” con l’obiettivo di raccogliere e diffondere le opportunità legislative e le azioni positive a sostegno delle politiche di conciliazione, da offrire alle imprese del territorio.

Per le imprenditrici:

•​Leadership at temporary work ovvero risponde alle esigenze di sostituzione temporanea delle imprenditrici e lavoratrici autonome che hanno necessità di rinunciare momentaneamente al lavoro, per motivi di cura. E’ già in via di realizzazione una banca dati Domanda /offerta per acquisire le disponibilità attraverso un modulo che a breve sarà pubblicato sul sito e su Facebook.

“Si tratta di iniziative importanti quelle attivate sul territorio irpino – osserva il direttore di Coldiretti Avellino, Salvatore Loffreda – al di là dei meri dati statistici sul numero di donne occupate in agricoltura, merita di essere posta in evidenza la capacità dimostrata dalla donna imprenditrice nel saper leggere i cambiamenti economici e sociali che hanno caratterizzato, e tuttora caratterizzano, il contesto rurale. Oggi le imprese agricole femminili sono sempre rivolte verso la fornitura di servizi utili alla popolazione e quindi fattorie sociali e didattiche, attività ricreative, agrisili e questo spiccato orientamento verso la diversificazione e l’integrazione delle attività consente alle donne di conseguire, in media, buoni risultati reddituali. Quelle attivate in provincia di Avellino – continua Loffreda – sono misure dirette a supportare l’imprenditorialità femminile e a porre attenzione all’attuazione d’interventi diretti a migliorare la conciliazione tra vita familiare e professionale. Siamo certi che nuove esperienze nasceranno creando nuove imprese, posti di lavoro e migliorando la qualità di vita di tante donne lavoratrici”.