Agguato a Pago, Soviero (Dda): “Situazione preoccupante”

Agguato a Pago, Soviero (Dda): “Situazione preoccupante”

7 marzo 2016

L’agguato di domenica sera di Pago del Vallo Lauro, in provincia di Avellino, riaccende l’allarme sul crimine organizzato nella fascia di territorio compresa tra la provincia di Avellino e l’area a Nord di Napoli.

Giulio Maffettone, 59enne considerato il braccio destro del boss Cava, è finito – per la seconda volta in poco più di un anno – nel mirino di ignoti killer che gli hanno sparato addosso mentre questi era nel bar del piccolo borgo del Vallo Lauro. L’uomo adesso è in prognosi riservata al Policlinico Umberto I di Napoli.

Sul punto, si registrano le dichiarazioni del pm della Dda di Napoli, Francesco Soviero, che intervistato dall’emittente locale IrpiniaTv parla di situazione “… preoccupante”.

“Per quanto sappiamo – dice il magistrato – l’agguato costituisce un fatto grave in ragione del fatto che lo stesso Maffettone è stato già vittima di un analogo episodio un anno fa. Parliamo di un uomo di primo piano del clan Cava, ecco perchè occorre prestare molta attenzione. La situazione nel Vallo Lauro va continuamente monitorata – ha aggiunto – i Cava e i Graziano sono quasi tutti detenuti anche se altri sono in libertà, così come altri elementi sono stati scarcerati da poco. Non si esclude naturalmente la presenza di altri giovani non allineati propriamente con i due clan. Sono ipotesi, al momento non si ha nulla di concreto”.


Latests News

Porno-ricatti via web: tre giovani nei guai

Porno-ricatti via web ad Avellino, nei guai tre giovani accusati,

20 ottobre 2018

Orari e divieti di fumo non rispettati: sanzione per una sala scommesse

Gli uomini della Polizia Municipale agli ordini del Colonnello Michele

20 ottobre 2018

Venduto trattore on line a prezzo conveniente, era una truffa

I Carabinieri della Stazione di Paternopoli hanno deferito alla competente

20 ottobre 2018