Agguati e tentato omicidio in Valle Caudina, annullata l’ordinanza di custodia cautelare

Agguati e tentato omicidio in Valle Caudina, annullata l’ordinanza di custodia cautelare

2 marzo 2019

Lo scorso 30 gennaio, i Carabinieri della Compagnia di Avellino hanno dato esecuzione all’ordinanza di custodia cautelare in carcere e degli arresti domiciliari emessa dal G.I.P. del Tribunale di Avellino, rispettivamente nei confronti di D.M. G., 31enne di San Martino Valle Caudina (con a carico gravi precedenti penali e già condannato per rapina ed evasione), e M.G., 37enne di Cervinara, entrambi accusati di  tentato omicidio a carico di un giovane del posto oltre che per lesioni aggravate, porto e detenzione di arma.

I fatti risalgono alla sera del 13 ottobre 2018 quando, nei comuni di Cervinara e San Martino V. C. , a distanza di pochi minuti, si verificarono due agguati, entrambi commessi con una pistola calibro 9.

Le serrate indagini compiute dai militari dell’Arma, soprattutto attraverso l’acquisizione di informazioni e la visione delle immagini riprese dalle telecamere di videosorveglianza del comune di San Martino V. C., hanno consentito di identificare i presunti responsabili e l’autovettura utilizzata -intestata ad uno degli indagati- all’interno della quale i militari hanno trovato due cartucce inesplose dello stesso calibro di quelle repertate sui luoghi di entrambi gli attentati.

All’esito dell’interrogatorio di convalida, il Gip del Tribunale di Avellino, in accoglimento delle tesi sostenute dai difensori del D.M., avvocati  Valeria Verrusio ed Angelo Adamo, non ha convalidato il fermo di De Martino Giuseppe, all’epoca unico indagato accusato di tentato omicidio.

Il Gip, infatti, pur riconoscendo la indiscutibile gravità dell’evento delittuoso, tanto da disporne la custodia cautelare in carcere, riqualificava il fatto come lesioni aggravate.

I successivi sviluppi investigativi, in particolare gli esiti dei nuovi accertamenti balistici, hanno permesso di individuare concordanti elementi di reità in ordine al  ben più grave titolo di tentato omicidio nei confronti di entrambi gli indagati.

La procura avellinese, dunque, ha chiesto l’emissione a carico del D.M., di una nuova misura cautelare in carcere per il reato di tentato omicidio.

Richiesta che, questa seconda volta, è stata accolta dal Gip avellinese proprio alla luce dei nuovi elementi raccolti dall’accusa.

Anche il nuovo provvedimento cautelare è stato impugnato dai legali del D.M., avv.ti  Valeria Verrusio ed Angelo Adamo, questa volta innanzi  al Tribunale dei Riesame di Napoli.

All’esito di una lunga camera di consiglio, il Tribunale partenopeo, in accoglimento delle ulteriori argomentazioni fornite dai due penalisti, ha stabilito che le modalità dell’azione delittuosa, unitariamente valutate, portano a ritenere che il fatto, seppur gravissimo, vada derubricato nel reato di lesioni aggravate dall’uso dell’arma e non in quello di tentato omicidio.

Nel frattempo, i due indagati sono stai raggiunti dall’avviso di conclusione delle indagini. Si attende, dunque, l’avvio del processo che, considerate le battute iniziali, non sarà privo di colpi di scena.