Agevolazioni alle pmi campane e Jeremie, la nota di Famiglietti (Pd)

7 febbraio 2013

Un’opportunità per le imprese campane. E’ questo il titolo di una tavola rotonda, organizzata per domani 8 febbraio 2013 alle ore 10 presso l’azienda Mfc Srl Area Pip del Comune di Frigento e da Baronia Sviluppo Impresa. Si discuterà di agevolazioni alle piccole e medie imprese-Jeremie Campania, lo strumento lanciato congiuntamente dalla Commissione europea e dal Fondo europeo per gli investimenti alle aziende.

Dopo i saluti di Luigi Famiglietti, sindaco di Frigento e candidato alla Camera per il Partito Democratico, di Domenico Gambacorta, assessore alla Provincia di Avellino, di Giulio Belmonte, presidente del Consorzio Asi di Avellino, di Vincenzo Bianco, vice presidente del Consorzio Baronia Sviluppo Impresa, interverranno Mauro Silvestri, responsabili dell’Ufficio Istruttoria del Servizio legge 488/92 e programmazione negoziata di Banca del Mezzogiorno-Mediocredito Centrale e Antonio Vella, responsabile del Servizio legge 488/92 e programmazione negoziata di Banca del Mezzogiorno-Mediocredito Centrale, Angelo Giovanni Pinto, Stakeholder & Territorial Development Manager Public Sector & Territorial Development Region Sud di Unicredit e Giovanna Miele, responsabile Soft Loans Territory Sud – Region Sud di Unicredit.
“In questo momento- dice Luigi Famiglietti, sindaco di Frigento e candidato alla Camera per il Partito Democratico nel Collegio Campania 2 – è necessario mettere in campo tutte le iniziative possibili per porre rimedio alla grave crisi di denaro circolante che affligge le imprese della nostra provincia”.

Infatti, il costo del denaro e le difficoltà di erogazione del credito, soprattutto nei confronti delle piccole e piccolissime imprese, “rappresentano i fattori determinanti di una spirale negativa – aggiunge Famiglietti – che colpisce anche quelle aziende ben strutturate e con potenzialità di mercato positive”.

“E’ in questo contesto – aggiunge il sindaco di Frigento – che iniziative come il programma “Jeremie” assumono una valenza di primissimo piano in quanto imprese, banche ed istituzioni insieme collaborino con un obiettivo comune: rimettere in moto gli investimenti. E’ questa la strada principale per costruire gli unici percorsi concreti in grado di consentire al sistema economico e produttivo di mantenere il motore acceso e di riprendere il cammino in uno scenario che si preannuncia complesso anche per i prossimi mesi”.