Adiconsum Cisl attacca la Regione: ‘Un modo per fare cassa’

10 gennaio 2006

L’Adiconsum Cisl ancora una volta attacca la Regione Campania accusata di “ricorrere a metodi discutibili per fare cassa”. Il tutto dopo la vicenda delle cartelle esattoriali che la Regione Campania ha notificato a migliaia di cittadini irpino, che in questi giorni subiscono notevoli disagi per poter dimostrare la propria correttezza. L’esibizione della documentazione comprovante l’avvenuto pagamento di bollo auto o abbonamento Tv è soggetta ad estenuanti file, che seguono iter defatiganti dalla sede della Gei a quella dell’Agenzia delle Entrate. Siamo quindi di fronte all’ennesimo atteggiamento insopportabile da parte della Regione Campania che così come aveva già fatto negli scorsi anni, ricorre a questi metodi discutibili per fare cassa. Vogliamo augurarci che i rappresentanti istituzionali della provincia di Avellino alla regione si facciano portavoce di questo disagio affinché gli accertamenti contro la reale evasione siano condotti in modo efficace e rispettoso dei diritti dei cittadini”.