Acs – Sacco: “Occorre il commissariamento per il bene degli utenti”

24 luglio 2008

Avellino – Fausto Sacco torna sulla vicenda Alto Calore e lo fa puntando il dito sul comportamento assunto dai protagonisti della querelle: “Madaro – commenta il segretario della Dca – sostiene che il Presidente è lui, dichiarando che l’elezione di Maselli è atto di valenza politica, non giuridica. Maselli sostiene che la sua elezione è legittima tant’è che chiede a Madaro di farsi da parte. I sindaci del PD, ovviamente, sostengono di essere sconcertati dal comportamento assunto da Madaro in assemblea. Altri invece sostengono la legittimità del Presidente Madaro. E intanto gli utenti continuano a pagare bollette maggiorate rispetto al consumo.
Ma tutti questi fantomatici personaggi si sono resi conto che l’altra sera si è consumata una delle più brutte pagine degli ultimi cinquant’anni della storia irpina? Si sono resi conto che non ha vinto nessun partito politico, ma c’è stata solo una grossa sconfitta della Politica. In questo modo si crea solo confusione e non si risolve il problema: gestire veramente l’ente. Si cerca solo la poltrona per interesse personale o di una coalizione, senza pensare agli utenti.
A questo punto – conclude Sacco – mi chiedo se non sarebbe il caso che il Prefetto di Avellino o la Magistratura facciano luce in merito”.