A Caposele la prima festa di San Gerardo

A Caposele la prima festa di San Gerardo

31 agosto 2018

A Caposele la prima festa di San Gerardo. Fino a domenica il comune irpino sarà protagonista di una delle iniziative più sentite dalla comunità, a cui partecipano migliaia di fedeli e pellegrini, ovvero la festa in programma la prima domenica di settembre ed incentrata sulla processione di San Gerardo dal Santuario di San Gerardo Maiella di Materdomini fino a Caposele.

Per la prima volta il Comune di Caposele, insieme alla Pro loco e agli albergatori, ristoratori e ai bar di Materdomini, ha promosso ed organizzato un intero fine settimana dedicato alla Prima Festa di San Gerardo, cominciato già con lo spettacolo musicale con Concetta De Luisa quartet “In a sentimental groove”, che si è svolto a Materdomini, e che continuerà domani (sabato 1 settembre) con il trekking di San Gerardo “Percorsi dell’anima – Da Laceno a San Gerardo”.

Il percorso parte dalla strada Laceno-Lioni a quota 1.190: dopo Aria della Preda e passando sulla cresta di Aria della Preda, ridiscende sulla strada di piano Sazzano per poi risalire al Monte Calvello a quota 1.579. Dalla vetta si possono ammirare il Cervialto, il Rajamagra, il Cervarulo, l’Alta Valle del Sele e tutta la Valle di Lioni-Nusco. Quindi la discesa verso la località Mauta (1,200 m) fino ad arrivare alla fontana Gavitoni (980 m), alla sorgente Cannito, alla fontana Cerasuolo (908 m) e alla fontana di San Biagio e proseguendo per la strada vicinale Pastena fino a raggiungere il centro abitato di Caposele.

Da qui si percorre la strada che sovrasta il centro storico e in località ponte si risale dalla vecchia strada per raggiungere la piazza del Santuario di San Gerardo. Alle ore 21, in corso Sant’Alfonso, spettacolo musicale con le Street band “I Pulcinella” e “Mambo brass”.

“Per la prima volta l’amministrazione ha istituito questa festa che durerà un intero weekend – spiega Armando Sturchio, vice sindaco di Caposele – grazie allo sforzo della Pro loco, degli albergatori, dei ristoratori e dei bar di Materdomini.

Tra le novità i pellegrini ed i turisti troveranno spettacoli e street band, ma anche naturalmente le tradizioni centenarie, come il pellegrinaggio da tanti paesi limitrofi che, nella notte del sabato, raggiungono San Gerardo a piedi, a cui abbiamo aggiunto uno dei Percorsi dell’Anima della Regione Campania, dal Laceno alla vecchia Basilica di San Gerardo, che vedrà anche la consegna di un passaporto speciale ai partecipanti. Una serie di novità che siamo certi saranno gradite dai partecipanti e che, di edizione in edizione, si arricchiranno per offrire sempre più alla Prima Festa di San Gerardo”.